94 Milioni per le infrastrutture ferroviarie, più soldi ai Rider la Lombardia scommette sul futuro

Saranno 94,5 i milioni di Euro messi a disposizione da parte della Regione Lombardia per le infrastrutture ferroviarie. Un terzo di questi, 31.5 milioni di Euro,  per la manutenzione straordinaria di banchine, e delle rotaie di pertinenza di FNM. Mentre 63 milioni saranno spesi per l’implementazione tecnologica e dei sistemi di sicurezza oltre che per l’eliminazione dei passaggi a livello. A presentare quest’investimento nella consueta conferenza stampa del dopo Giunta del Lunedi, l’Assessore ai Trasporti alla Mobilità e alle Infrastrutture, Claudia Terzi.

Tra i provvedimenti assunti,  anche uno sui Rider che prevede garanzie per la tutela da infortuni, incluse le spese mediche e un equo salario che l’assessore Melania Rizzoli – in partenza per Roma per incontrare il Ministro Di Maio – non ha voluto precisare.
Annunciata per giovedì, da parte dell’Assessore alla Cultura e alla delega per l’autonomia, Stefano Bruno Galli,  un incontro a Roma con il ministro per gli Affari Regionali Stefani, per ottenere maggiori forme di autonomie  sulla base dell’intesa tra Stato e Regione Lombardia. L’Assessore Galli tuttavia non ha precisato se e quando questi accordi porteranno all’esercizio di una reale autonomia economica, “essendo ancora prematuri i tempi”.
Infine è stata attivata la Centrale operativa Integrata della città  metropolitana per la presa in carico da parte di AREU, del trasporto di tutti i pazienti dializzati la cui competenza è dell’Assessore alla Sanità  Giulio Gallera. Al Governatore Fontana è  stato chiesto come la Regione intende trattare la questione dei luoghi di culto. La decisione assunta dal Comune di Milano d’ intraprendere  misure per conferire liceità all’esercizio di culto in  alcuni cinema milanesi dismessi, che non violando le norme urbanistiche garantirebbero un adeguato escamotage per autorizzare la realizzazione  di moschee nel capoluogo lombardo, agita chiaramente la sensibilità  politica leghista assolutamente contraria. Fontana ha dichiarato di volersi attenere alla legge e di non avere intenzione di modificare la legge. Per il momento.
details
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites