I maestri del ‘900 al Mac di Milano

Elegante. Raffinato. Danilo Gigante è il classico imprenditore che si è fatto da solo. Tanta creatività, capacità  d’ascolto, un innato senso di percepire con ampio anticipo i cambiamenti. 

International broker art nasce proprio da un’intuizione. Quella di capire con anticipo i gusti del pubblico, le esigenze della gente comune.
È dalla innata capacità di cogliere il senso della vita nel suo dispiegarsi quotidiano che si rende intellegibile l’energia che connota la vita di questo quarantenne divorato dalla voglia di edificare bellezza.
Poi, certo: c’è il mercato. Ci sono gli affari, il business, i conti correnti, le transazioni. Il mercato è  un’allegoria dell’ambizione umana.
Gigante però ha una dimensione estetica, della vita professionale. A partire dal dress code, per arrivare al modello di business che ha in testa. E di cui ti avvolge subito.
Lavorare con l’arte, con la pittura e la scultura per offrire ai risparmiatori una forma d’investimento diversa dai classici fondi d’investimento, sottoposti oggi alla volatilità  dei mercati. Un progetto che aspira non solo a vendere un’opera d’arte che valorizzi la nouvelle vague  di giovani artisti che cercano spazio dove farsi conoscere; ma anche un modo con cui il collezionista che compra le opere di artisti contemporanei abbia anche la garanzia di veder esposti i quadri in rassegne che con il tempo stanno consolidando la qualità imprenditoriale di Gigante.
 È  un uomo del sud. Le cose è abituato a vederle sempre in prospettiva. Dal particolare sa risalire al generale. È  così che negli anni ha consolidato il suo modello di business. Ricercare artisti, farli crescere attraverso l’approvazione del pubblico; affinché impari ad apprezzare lo stile degli artisti.
Lo scopo:  fare della bellezza un moderno umanesimo. Una dimensione estetica, che approdi a una condizione di condivisa umanità.  Avendone anche un ritorno economico. Un meccanismo semplice.
Gigante è  una macchina in perenne movimento
Adesso sta preparando un’importante mostra a Milano. Dal 4 al 6 Luglio su: “I maestri del Novecento” al Mac in Piazza Tito Lucrezio Caro. Nel cuore della Milano storica. Le opere esposte sono di collezionisti privati di International Broker Art. Tra loro,  gli artisti emergenti Giuseppe Amadio,  Fabrizio Trotta, Alina Ditot, Miroslav Persolja, Nerone, Giuliano Grittini. Tra le opere piu note invece Rotella, De Chirico, Guttuso, Wharol. All’interno della rassegna ci sarà anche  una personale di una giovane artista emergente,  Ludmilla Radchenko.
Qui sotto trovate l’intervista video fatta con lui
https://youtu.be/YTuCIRg9B60
details
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites