Salone del Mobile, John Lennon, Icharta, Anteo : tradizione, cultura, impresa

Forse non è un caso. Che la primavera sia arrivata insieme al Salone del Mobile, a Milano. E che insieme al Salone, dentro il Salone, Icharta di Marco Picchio si sia guadagnato uno spazio per raccontare le gesta, gli epigoni, il coraggio di un’epoca. Sono gli anni incendiari del ’68 in cui erano vere anche le utopie. Ed in cui la dimensione del sogno aveva assunto un carattere materiale, era diventata carne viva. Dentro la rassegna del Salone uno dei salotti culturali del capoluogo lombardo, il Cinema Anteo, ha allestito una mostra per raccontare quei formidabili anni di cambiamento, di rivoluzione, di affrancamento e di collasso. Un luogo del tempo e dello spazio in cui il divenire all’improvviso ha fatto breccia. Ebbene proprio quella dimensione dionisiaca  viene testimoniata da Icharta a modo suo: con due foto originali e uniche. Una di John Lennon e l’altra di Jimmy Carter. L’uno il sognatore per definizione, l’altro il democratico che fallì la liberazione degli esponenti Usa tenuti in ostaggio a Teheran e che spalancò  le porte a Ronald Reagan. Icharta disegna la sua presenza come sa fare la storia: in modo silenzioso. Eppure tangibile

 

details
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites