Uil: dalla parte delle donne e dei centri anti violenza

Il segretario Regionale della Uil non ha dubbi. Sono già molto poche le denunce delle donne violate dalla sopraffazione maschile. Non ha senso, quindi, chiedere che vengano considerati e fatti funzionare come se fossero pubblici uffici.  Danilo Margaritella critica la scelta della regione Lombardia di obbligare i centri Anti violenza a segnalare i nomi e i codici fiscali delle donne che si rivolgono nell’unico posto in cui trovano quell’ascolto che altrove invece non hanno. Un errore secondo il segretario Regionale.

 

 

details
Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites